Green pass e nuove identità

Le nuove disposizioni in materia di contenimento della diffusione del contagio da Covid19 arrivano a gestire la nostra vita sociale e la nostra identità. Quest’ultima, per dirla con il filosofo Umberto Galimberti, è disegnata sulla società e sul rapporto che abbiamo all’interno di essa, ma c’è una novità.

La nostra identità sta divenendo sempre più un’identità virtuale?

La propria individualità viene ultimamente molto spesso creata attraverso la rete Internet. Profili social e canali web sono oggi i nuovi scenari dove condividere passioni e vita quotidiana. Le nuove tecnologie hanno contribuito alla “sponsorizzazione” di ogni singolo individuo in una vetrina aperta sul mondo.

La nostra identità e il cambio del linguaggio

Una delle particolarità è il cambiamento del linguaggio e la sostituzione del testo scritto con quello, quasi esclusivamente, orale e parlato. E’ infatti con il linguaggio parlato accompagnato a simboli visivi, che si sviluppa l’attuale modo di comunicare che altro non è che derivazione di ciò che sono sempre stati gli strumenti principali del Marketing.

Identità di genere

Si sente sempre più spesso parlare di identità di genere, altro tassello dell’identità che si sviluppa e cambia. Per identità di genere si intende la percezione che ciascuno ha di sé che può appunto essere maschio o femmina.

Per identità di genere si intende anche tutto ciò che “gravitaziona” attorno a quel tipo di identità come il sistema sociale, le abitudini ecc. Per fare un esempio ci sono persone che sono fisicamente ed anatomicamente donne ma si sentono uomini e viceversa oppure né donne né uomini, oppure ancora donne in alcuni periodi e uomini in altri. Per venire incontro a queste realtà, da sempre esistite, molti paesi hanno già introdotto diverse varianti di “terzo genere” per identificare le persone. Si esula quindi dal limitato identificativo dell’omosessualità perché la questione dell’identità, in tutte le sue sfaccettature, è sempre molto articolata.



Psicologa Psicoterapeuta Milano

Dott.ssa Daniela Grazioli

Il mio studio si trova a Milano in Via Ximenes, 1
Tel. 02 66 84 253 – Cell. 348 31 57 841

Visualizza la mappa

Email: dg@psicoterapeutico.com