Perché iniziare la psicoterapia?

Ogni tipo di disturbo e disagio psichico nasce all’interno di una relazione, o con l’altro o con se stessi, e unicamente un’altra relazione, questa volta riparatrice, lo può risolvere.
D.Grazioli

guida1Molti si domandano : perché iniziare la psicoterapia ? La risposta è semplice ! Perché molti di noi sono in credito con la vita, crediti che risalgono a tempi lontani, quando bambini andavamo alla conquista di un mondo ricco di promesse e luccicanti luci colorate; a volte però, invece dell’abbraccio caldo e morbido che di diritto ci spettava, ci scontravamo con il freddo e il buio del vuoto. Questi crediti, mai più riscossi, perché per ogni cosa esiste un tempo adeguato, trascorso il quale il pagamento non ha più valore, si sono negli anni trasformati in ferite più o meno profonde, più o meno nascoste nel fondo del nostro cuore.

In verità non ci siamo rassegnati, ma desideriamo intensamente, anzi imperiosamente vogliamo essere risarciti del danno subito; e qui commettiamo l’errore: vogliamo essere pagati con la moneta corrente a quei tempi, quando un «bravo» ci trasformava in eroi e un «cattivo» ci gettava nella disperazione più nera, ma quella moneta purtroppo non è più in circolazione, sono anni che è stata ritirata.

E’ necessario allora, trovare un compromesso, se non vogliamo che un qualsiasi evento della nostra vita, prima o poi, risvegli quelle antiche e dolorose ferite, che se riprendono a sanguinare diventano il peso sul cuore che ogni mattino ci ritroviamo sul petto, o l’ansia di fare sempre qualcosa, perché guai a fermarsi, c’è il vuoto in agguato che ci aspetta, o altro ancora, l’elenco è lungo e doloroso, lo sappiamo tutti.
E’ necessario trovare un compromesso, ma la moneta che ci può risarcire è diversa per ognuno di noi, perché diversi sono i crediti e le ferite, va cercata, conosciuta, accettata.

Possiamo provare a cercarla da soli, può darsi che ci riusciamo, ma è difficile, il danno non è opera nostra, ci vuole qualcuno che funzioni da riparatore, che ci accolga, ci ascolti e ci aiuti a trovare le parole che restituiscano spessore e realtà a questi buchi neri, che abbiamo tappato in modo così provvisorio.

Oppure, può essere che tutto sia funzionato a meraviglia fino ad oggi, quando un’improvvisa e devastante lacerazione si produce nella nostra vita: una morte, un abbandono, una malattia. Il nostro mondo scompare, va in pezzi e noi con lui. Una vita spesa a dare un senso e un significato al nostro io in rapporto al mondo, a costruire una prospettiva di tempo futuro intessuta di progetti da realizzare insieme a lui o a lei, sono spazzati via in un lampo, cancellati, annullati, non c’è più niente, o meglio resto io che non so che fare di me stesso.

E’ terribile, ricostruire è la parola d’ordine, ma da dove è la domanda senza risposta. Esperienze di questo tipo destrutturano, annichiliscono, e il tunnel al fondo del quale risplende una nuova luce, è lungo, oscuro e popolato di mostri che spesso da soli non possiamo affrontare. Ma non c’è scelta, dobbiamo percorrere il tunnel fino in fondo: il dolore negato e represso, come il dolore dilatato e assolutizzato, sono paralizzanti, senza via d’uscita.
Possiamo scegliere questa strada e restare fermi, inchiodati come una farfalla infilzata, oppure dare ascolto alla voce di chi intorno a noi i vuole ci vuole vivi e  vicini.Può darsi che anche in questo casi si abbia bisogno di aiuto, di un tempo e di un luogo precisi dove poter urlare il nostro dolore, e poi lentamente ricostruire.

In questo contesto quel che viene chiamato sostegno psicologico, psicoterapia, o altro, è nei miei intendimenti una situazione di contenimento, accoglimento, elaborazione, integrazione di esperienze esistenziali difficili, inibenti, destrutturanti; è un viaggio nel profondo, nel sottosuolo dell’io, ed ha lo scopo di restituire al soggetto, al di là degli accadimenti contingenti, il senso e il significato del proprio esistere.

 



Psicologa Psicoterapeuta Milano

Dott.ssa Daniela Grazioli

Il mio studio si trova a Milano in Via Ximenes, 1
Tel. 02 66 84 253 – Cell. 348 31 57 841

Visualizza la mappa

Email: dg@psicoterapeutico.com