Disturbi di Dissociazione

Lievi e normali dissociazioni dalla realtà sono le fantasticherie ad occhi aperti, l’immaginare di essere o andare…La dissociazione è all’origine un meccanismo di difesa e come tale adattivo, tuttavia se usata con troppa frequenza viene alterato il rapporto dell’io con la realtà, e le conseguenze sono….
D. Grazioli

curareladipedenzaFantasticare ad occhi aperti, immaginare di essere…o di andare…, chi non l’ha mai fatto? Piccole fughe da una vita troppo noiosa o faticosa, lievi dissociazioni dalla propria realtà.

Queste forme di isolamento, di separazione di sé dalla propria quotidianità sono una sorta di “rifugi della mente”, luoghi mentali o anche comportamenti ripetitivi, come certi riti e abitudini personali, in cui rifugiarsi quando ci si vuole sottrarre alla pesantezza e infelicità della realtà ordinaria.

Sono una “medicina” dell’io che si dissocia e “dimentica” il suo dolore e la sua angoscia.


La dissociazione è un meccanismo di difesa che permette di separare un determinato insieme di informazioni o processi mentali dal resto della coscienza.
E’ sicuramente un meccanismo adattivo in situazioni traumatiche perché protegge la coscienza da un’ inondazione di stimoli intollerabili, e offre una via di fuga da una situazione terrificante.

Tuttavia se usata con troppa frequenza il rapporto dell’io con la realtà viene alterato e si crea uno stato dissociativo patologico, in cui la parte di coscienza scissa o lo stato modificato di coscienza si comportano in modo indipendente dal resto della personalità che non può più esercitare alcun controllo su queste parti.


“Il rifugio” diventa più importante della realtà e se ne diventa patologicamente dipendenti, dipendenza che può manifestarsi con l’isolamento dal mondo a favore di attività autoerotiche, o con varie altre forme di dipendenza morbosa, fino ad arrivare a veri e propri disturbi dissociativi. In ogni caso si tratta di esperienze in cui trionfa il senso di onnipotenza, si entra in mondi senza limiti dove tutto è permesso e possibile.Le conseguenze sono una tendenza sempre più accentuata all’isolamento, un senso di sé alterato, relazioni distorte e alla fine la perdita di un contatto vitale con la realtà.



Psicologa Psicoterapeuta Milano

Dott.ssa Daniela Grazioli

Il mio studio si trova a Milano in Via Ximenes, 1
Tel. 02 66 84 253 – Cell. 348 31 57 841

Visualizza la mappa

Email: dg@psicoterapeutico.com