Boom di internet-dipendenti

Tre sono i centri in Italia che si occupano della “Internet addiction. I cyber-dipendenti sempre più in aumento, sono adolescenti tra i 15 e i 24 anni che, all’improvviso tagliano i ponti col mondo, si barricano in camera e si astraggono dalla realtà anche per anni . Unico chiodo fisso la Rete o un videogioco.

192432306-c122b1f5-1748-4547-aa94-db725f408535Salute: boom di internet-dipendenti, cosi’ ci si cura in Italia

Restano incollati allo schermo per ore, fino a perdere il controllo della loro mente. Rapiti dalla Rete, condannati a navigare ininterrottamente nel ‘mare magnum’ di Internet, saltando da un sito all’altro senza riposo.

 

 

Sono i cyber-dipendenti: adolescenti drogati di web che non staccano gli occhi dal computer e finiscono per preferire il mondo virtuale a quello reale.

 

Una forma di “dipendenza comportamentale” (non legata a sostanze) in netta crescita in Italia, avvertono gli esperti. Tanto che gli scienziati si stanno organizzando per fronteggiare l’ondata di pazienti.

Sono tre i centri di riferimento della Penisola, che studiano il fenomeno della ‘Internet addiction’ e sono all’avanguardia sul fronte delle terapie: il Dipartimento di Neuroscienze cliniche dell’università di Palermo, il Policlinico Gemelli di Roma e l’università D’Annunzio di Chieti.

 

“Quello che ancora non esiste sono cliniche di disintossicazione ad hoc” per cyber-dipendenti, spiega all’ADNKRONOS SALUTE Massimo Di Giannantonio, ordinario di psichiatria all’università D’Annunzio di Chieti.

In Italia, sottolinea lo specialista, il fenomeno dei teenager Internet-dipendenti è ancora poco conosciuto, ma nelle corsie delle cliniche di psichiatria di molti ospedali italiani si vedono sempre più spesso casi di giovani ‘risucchiati’ dal web.A Milano, conferma Claudio Mencacci, primario di psichiatria all’ospedale Fatebenefratelli, “ne abbiamo in cura un paio.

 

E cominciano a vedersi anche casi di isolamento grave” dalla realtà. “Con sintomi simili alla cosiddetta sindrome di Hikikomori, fenomeno giapponese”. Adolescenti che, all’improvviso, tagliano i ponti con il mondo, si barricano in camera e si astraggono dalla realtà anche per anni. Niente più scuola, uscite con gli amici, chiacchierate in famiglia. Unico chiodo fisso: la Rete, o un videogioco.

 

Una malattia che porta con sé alterazioni del ritmo sonno-veglia e totale limitazione dei contatti interpersonali. “Sono ragazzi che si nutrono solo di relazioni virtuali e si rifiutano di interagire fisicamente con persone in carne ed ossa”, racconta Mencacci. Prigionieri del web difficili da curare. E’ questa la versione occidentale della sindrome del Sol Levante. Età media degli ‘addicted’: dai 16 ai 24 anni.

 

I tre gruppi di lavoro che in Italia si occupano di nuove dipendenze, coordinati dagli psichiatri Massimo Di Giannantonio (Chieti), Luigi Janiri (Roma) e Daniele La Barbera (Palermo), hanno visitato, nell’ambito di uno studio, oltre 100 mila ragazzi fra i 15 e i 21 anni. “Di questi il 3,7% ha mostrato una forma grave di ‘dipendenza comportamentale'”, spiega Di Giannantonio. Ma al momento, precisa, “non esistono dati epidemiologici sicuri che permettano di stimare l’incidenza della dipendenza da Salute: boom di internet-dipendenti, così ci si cura in Italia
Tre sono i centri in Italia che si occupano della “Internet addiction”, a Palermo, Chieti e Roma. I cyber-dipendenti sempre più in aumento, sono adolescenti tra i 15 e i 24 anni che, all’improvviso tagliano i ponti col mondo, si barricano in camera e si astraggono dalla realtà anche per anni . Unico chiodo fisso la Rete o un videogioco.

 

Quello che gli esperti stanno osservando è l’aumento di dipendenze comportamentali fra i giovani: “Dipendenza dal gioco d’azzardo, da Internet, dallo shopping”, elenca lo specialista. Uno studio dell’università di Chieti, finanziato dal ministero della Salute, punta a far luce sul grado di diffusione di queste patologie fra gli adolescenti delle scuole superiori, ritenuti le ‘vittime ideali’ di disturbi come la cosiddetta ‘dipendenza transdissociativa da videoterminale’.

Fra i progetti in cantiere in Italia c’è anche l’idea di creare cliniche ad hoc per il trattamento delle nuove ‘droghe’ dei teenager. L’idea è di riservare posti letto in day- hospital a questa tipologia di pazienti. Obiettivo: garantire loro percorsi di riabilitazione efficaci, dalla psicoterapia alle cure farmacologiche.



Psicologa Psicoterapeuta Milano

Dott.ssa Daniela Grazioli

Il mio studio si trova a Milano in Via Ximenes, 1
Tel. 02 66 84 253 – Cell. 348 31 57 841

Visualizza la mappa

Email: dg@psicoterapeutico.com